La Lega finanziava l’MpA di Lombardo

Raffaele-Lombardo«…Abbiamo preso, faccio un esempio, 3mila voti, la Lega Nord ha preso 10 milioni di euro, gli devi dare la percentuale che corrisponde a questo. In prima battuta Calderoli mi aveva detto di non dargli più niente e di prender tempo…».

Il patto tra la Lega Nord e il Movimento per le Autonomie guidato da Raffaele Lombardo si sostanziava in questi flussi finanziari, stando alla ricostruzione fatta dall’ex tesorire del Carroccio, Francesco Belsito.

Un rapporto continuativo, frutto di una strategia che – racconta Belsito – fu inaugurata nel 2003, quando all’onorevole Giacomo Chiappori fu conferito l’incarico di curare la nascita di Alleanza Federalista che «aveva come, diciamo, finalità – prosegue Belsito – …quella di mandare la Lega al Sud, promuovere l’ideologia, naturalmente federalista, del movimento».

Poi, con la rottura dell’alleanza politica, cosa è rimasto di questo “patto”? Esisteva comunque l’impegno politico a versare con continuità somme di denaro all’MpA?

«Beh! Teoricamente, se devo essere sincero, sì. Cioè se lei fa una alleanza con me e poi lei questa alleanza …dall’altra parte mi può dire, però ci siamo separati …però sugli accordi contabili …Bisognerebbe rispettarli. La prima battuta era quella di non pagare più. E poi invece Calderoli mi aveva convocato, ha detto no, devi pagare, bisogna pagare. Ed io naturalmente l’ho fatto. Quando parlo di pagamenti, pagamenti ufficiali, quindi bonifici …Tutto documentabile… ».

E pensare che lo slogan con il quale Roberto Maroni ha vinto in Lombardia recitava “Prima il Nord”.

Annunci