Il Bersani ruspante

Il Bersani presidenziale, in gessato e ingessato, ha perso simpatia senza guadagnare carisma. Smaltita l’emozione delle primarie, il partito strafavorito sta iniziando a rinculare nei sondaggi. Servirebbero Renzi e il pullman dell’Ulivo: qualcuno o qualcosa che parli ai cuori e alle pance. Lei, Bersani, è un politico del Novecento (lo dico a suo merito), più credibile come amministratore pubblico che come seduttore appassionato. Il suo problema è che non dà mai un titolo. Invece le campagne vivono di slogan, messaggi semplici, frasi a effetto.

Questa mattina mi hanno segnalato un breve scritto di Gramellini (penso sia il «Buongiorno») in cui l’autore dà dei consigli non richiesti a Bersani. Ecco, io non so se serva Renzi. Anzi, credo di no, semplicemente perché Bersani ha vinto le primarie, e tre milioni (abbondanti) di elettori scelgono meglio di me e Gramellini. Non credo neanche che il Partito Democratico stia rinculando nei sondaggi così tanto da poter parlare di «rinculo», appunto, ma penso che ci sia un sondaggio di Mannheimer, dell’altro giorno, che descrive le difficoltà del centrosinistra in Lombardia (che – guarda un po’ – non è diventata all’improvviso una «regione rossa»). Credo, invece, che ci voglia il Bersani più ruspante e meno in-gessato, quello che abbiamo visto durante la campagna elettorale per le primarie. Perché, come scrive Civati, a questo giro le elezioni si vincono nella «microprovincia» e non nella «macroregione», sia le Regionali che le Politiche:

Troppo milanese la campagna del centrosinistra per le Regionali: lo abbiamo detto tempo fa, ora lo dicono tutti.

E invece le elezioni si vincono nei piccoli e medi comuni (e nelle piccole e medie imprese), dove la crisi del centrosinistra è iniziata molto prima della crisi economica.

Ed è venuto il momento di riscattarsi, anche in quei territori ‘irredenti’, soprattutto al Nord, dove la strada si alza e scendono i consensi, dove la metropoli, a poco a poco, si allontana.

Per questo, lasciamo da parte lo snobismo da Cerchia dei Navigli, i salotti e i circoli intellettuali che votano già a sinistra. E frequentiamo quei toponimi in -ago e in -ate, cari a Gadda, che tanta fortuna hanno avuto in una campagna recente (lo strano caso della moschea di Sucate, che tutti ricorderete). E che ci parlano anche di tanti amministratori del Pd, di tante esperienze, di molti candidati che potranno fare la loro parte, soprattutto se ci sarà la copertura politica e mediatica di un partito che proprio alla provincia del Paese deve saper parlare.

Quando si tenne l’assemblea nazionale “fuori sede”, vicino a Varese, tutti i massimi dirigenti del nostro partito parlarono di «profondo Nord», nemmeno fosse il Saskatchewan. E invece eravamo in un capannone a Busto Arsizio.

Ecco, vorrei e farei una campagna prealpina e valligiana, che muova dal basso e dalla Bassa. Per frequentare la provincia, senza essere provinciali. Per fare mente locale, senza abbandonarsi al localismo che ci ha devastati in questi anni. Per dare spazio alla relazione politica con i «contadini», che sono parecchio stanchi dei «luigini», come abbiamo più volte cercato di spiegare anche in questa sede (ad esempio, qui).

Il mio è anche un consiglio a Umberto Ambrosoli, proprio come scrissi pochi giorni fa.

P.S.: Una mano, in questa campagna, può arrivare dal breve resoconto sull’operato della Lega, «Un Po di contraddizioni. Il libro verde della Lega».

Annunci

One thought on “Il Bersani ruspante

  1. una campagna “prealpina e valligiana”, una campagna fra la gente.
    che è poi l’unico modo per fare una vera campagna elettorale!

    (basti pensare ai tanto citati insegnamenti delle elezioni americane: ogni 3 contatti personali un voto, rispetto ad 1/10 per telefonate e simili…)

    però Bersani non è ruspante… certo, cerca di accreditarsi per la sua autorità e ci può anche stare, ma deve arrivare una fase della campagna che si svolga fra le persone.
    io credo che il contributo di Renzi, a patto che si attenga al programma del partito, può essere d’aiuto: per compensare l’ingessatura di Bersani e per movimentare la cosa nelle regioni più ostiche….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...