«Tieni duro Assad», parola di Clerici

Intanto a Varese, c’è anche chi, l’Assessore del Comune di Varese Stefano Clerici, inneggia ad Assad. «Tieni duro presidente», dice commentando una foto del presidente siriano.

Secondo Clerici le stragi di civili non sono mai avvenute: «Sull’uccisione da parte del governo siriano di grandi e piccini avrei molti dubbi: mi sembra alquanto strano che un governo che vuole governare compia gesti plateali e assolutamente inutili, come assaltare scuole ed ospedali, o uccidere suoi ministri (sic!) che generano solo caos. Mi sembra invece alquanto plausibile che siano gli oppositori, adeguatamente armati da terzi, a volere quel caos. E mi sembra che i mass media stiano proponendo una chiave di lettura univoca della crisi siriana».

Insomma, una congiura dei mass media.

Voi penserete: “Ha presentato immediatamente le dimissioni oppure il Sindaco le ha pretese”. Assolutamente no. Anzi. Clerici ha rilanciato la sfida, affermando che la sua era una provocazione utile a sollevare il dibattito sulla situazione siriana. Peccato che l’Assessore sia rimasto poi assente quando doveva giustificare le sue affermazioni nella sede competente, il Consiglio Comunale.

Nel PDL, invece, si scatenano le altissime riflessioni filosofiche. Sulla libertà di opinione, sulla provocazione, sull’ampiezza della responsabilità a cui soggiace un assessore. Nessuno, invece, sottolinea l’assurdità degli slogan (non si tratta di opinioni) sostenuti da Clerici, i quali, uniti alla funzione che ricopre, compongono una miscela esplosiva ed intollerabile.

In questo silenzio della maggioranza Lega-PDL, una pagina Facebook chiede le dimissioni dell’Assessore, ricordando l’art. 54 della Costituzione che richiede «disciplina e onore» per l’esercizio delle funzioni pubbliche.

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da andreacivati . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su andreacivati

Sono nato l’8 gennaio 1986. Laureato in Giurisprudenza presso l'Università Bocconi, lavoro in uno studio legale di Milano. Dal 2011 sono Consigliere Comunale di Varese, tra i più votati candidati del Partito Democratico. Mi occupo di urbanistica, consumo di suolo e trasporto locale. Faccio politica perchè mi piace e perchè detesto l'espressione "sono tutti uguali".

9 thoughts on “«Tieni duro Assad», parola di Clerici

  1. Non è così semplice.
    Sapete tutti quale fonte di violenze sia la guerra civile.
    Sapete tutti cosa è in gioco, da un p.d.v. Geopolitico.
    Ho notizie di prima mano sulle atrocità commesse.
    Da ambedue le parti.
    La vera domanda da porsi è sul xchè non ê stata praticabile una INTESA pacifica.
    E non è stata solo colpa di Assad.

  2. Lasciami dire che la CRI, Gabanelli docet, nn è credibile.
    Aggiungo che le influenze esterne sono chiarissime. E che gli ‘insorgenti’ vinceranno proprio x le armi che Arabia Saudita, Turchia, ecc stanno fornendo loro.
    In regime di guerra le notizie vanno sempre controllate ed è difficile farsi una idea ‘oggettiva’.
    Parliamo della Libia. Saprai benissimo come furono pompate varie notizie, a partire dal numero di morti, per giustificare il nostro intervento. No fly zone. Io mi sono fatto qs.idea su come è morto Gheddafi. Localmente qualcuno telefona alla Nato e segnala un convoglio.
    Intervengono gli aerei. Quelli scappano in un condotto sotto un ponte. Facile per gli insorti uccideri tutti.
    Io sono in stretto contatto con un cattolico siriaco.
    Un suo amico, soldato, tornato a casa x una licenza, è stato stanato da casa sua e crivellato con QUARANTOTTO colpi. Questa è la guerra civile.
    I cattolici sono stati ‘bene’ sotto Assad, minoranza governata da un’altra minoranza.
    Adesso anche loro stanno dubitando della capacità di Assad. Padre dall’Oglio è dovuto scappare xchè sospettato di collaborazionismo. Le gerarchie stanno prendendo posizioni equidistanti.. Sull’ONU qualcuno ricordava i morti del Biafra che ha sulla coscienza l’attuale mediatore. Forse la domanda clou è: ci sono MERCENARI in Siria? Si? Cosa fanno??
    Ma anche qs.non riesce dare ragione a UNA parte… La vera verità è smpre multiforma.

    • Caro Pietro,
      Permettimi di dire che due torti non fanno una ragione. Mai. Dire che Assad non è poi così male perchè gli insorti sono cattivi non è giusto.
      Inoltre, credo che si continui a sfuggire al punto centrale.
      Clerici non ha esposto un ragionamento come il tuo, che si può condividere o meno, ma è un’opinione legittima.
      Piuttosto egli – da rappresentante dello Stato – si è espresso come un tifoso inneggiando unilateralmente a un soggetto che – comunque la si veda – sta ammazzando quotidianamente civili inermi. Questo è il punto. Non la complessità della situazione siriana o altro.
      Saluti,
      Andrea

      • Articolo 54
        Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi.
        I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.

        I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore…

        …hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore…

        …con disciplina ed onore…

        …Errani, dài, libera la sedia…

        p.s. mi dissocio dal richiamo all’ennesimo articolo costituzionale di stampo autoritario, ma dato che qui si dovrebbe praticare una sana par condicio legalitaria (eh, mica che l’onore vale solo per un assessore di Varese e non per il presidente dell’Emilia-Romagna), rilancio l’appello alla liberazione delle sedie da parte degli inquisiti. Viva le manette, viva la magistratura, viva il Guatemala, e viva la trattativa con la mafia! …tutto si tiene, nel vostro bel statucolo soprano, amici miei…
        Cordialmente,
        Alex

  3. Carissimo e civilissimo Andrea,
    Aggiungiamo anche il parametro tempo.
    Nn so chi sia Clerici. Se ho ben inteso il suo pensiero, esso sarebbe forse stato IT all’inizio di qs.dannatissima storia. Un movimento di opposizione quanto mai diviso ( secondo i propri ref interni&esterni..), frastagliato, senza armi, assolutamente im-potente.
    Ma oggi la posizione di Clerici è INSOSTENIBILE.
    quello che io e tu, ne sono certo, vorremmo.. Cioè una composzione politica e concordata,
    È impossibile. Oggi il gioco è:
    Io ci metto i carrarmati…
    Ed io le armi anticarro…
    Chi la vince?
    Il fornitore di armi più potenti e devastanti…
    Elicotteri?
    Missili terra/aria…
    Chi vincerá?
    Io so di sicuro chi perderà.
    Le donne, i bambini, gli indifesi.
    Come sempre. Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...