Passaggio a Nord-Est (37) – Movimento Bed & Breakfast?

Pare che a Parma il debito sia superiore ai 600 milioni di Euro. Forse si avvicina al miliardo. Suggerimento a Pizzarotti: inviti i cittadini e le imprese di Parma a versare una quota di Irpef e Ires (il 50%) su un conto corrente comunale appositamente aperto. Utopia? No, rivoluzione.

Da decenni lo Stato italiano, finanziato massicciamente anche dai parmensi (così come da Lombardi, Veneti ed Emiliano-Romagnoli in generale) pareggia a pie’ di lista i buchi miliardari delle amministrazioni locali del Lazio-Mezzogiorno. E’ ora di invertire i flussi. Anzi, di trattenerli, specie adesso che ce n’è gran bisogno (isolati debiti disastrosi come nel caso di Parma, terremoto, crisi economica).

Pizzarotti ha il mandato morale e politico per farlo. E sarebbe una rivoluzione vera, con i fiocchi. Anzi, di più: a 5 Stelle. Per la gioia anche di chi, Lega o non Lega, da altrettanti decenni chiede, a buon diritto, un vero autogoverno, in cui le risorse restino per la maggior parte sui territori che le hanno prodotte.

Altrimenti Grillo si prepari a cambiare nome al Movimento: Bed & Breakfast. Perchè di questo passo i cittadini di Parma, per pareggiare il buco, potranno permettersi soltanto una dormita e la prima colazione, il resto del giorno a lavorare, novelli schiavi dello Stato centrale.

Annunci

4 thoughts on “Passaggio a Nord-Est (37) – Movimento Bed & Breakfast?

  1. Ciao,
    son tornato e leggo con piacere che avete ” allargato” il nord anche all’emiliaromagna;
    se aggiungete anche il Piemonte e la Toscana (tra quelli tartassati) arriviamo a mezza Italia.
    Work in progress. :-))
    At tomorrow my next italian

  2. Un professore di area PD (o Prodiana) , ascoltato a Radio Radicale il giorno 2012 mag-29 – di cui purtroppo non ho colto il nome – ha lanciato una proposta eclatante :

    dare all’Emilia Romagna lo Statuto Speciale .. dopodichè ci penserà la Regione stessa con le future tasse che rimarranno sul Territorio – a ricostruire i centri storici e i capannoni industriali !

    E lo Statuto Speciale potrebbe essere utilizzato come una sorta di garanzia politica da offrire al circuito del credito per ottenere i prestiti urgenti – per la ricostruzione da farsi prima delle piogge autunnali

    Date il pallino in mano alla gente dell’Emilia , date loro la libertà di tenersi i frutti del proprio lavoro … lo Stato-Italia rimanga fuori !

    Ex malo bonum !

    Diffondete questo appello affinchè ne parlino i media !

    PS. – la NUOVA Lega cosa ne pensa ? (la “vecchia” Lega voleva addirittura abolirle , le Regioni a Statuto Speciale …)

    Facebook > Cantone Nordovest

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...