L’edilizia residenziale che consuma inutilmente territorio

Una pianificazione dell’edilizia lombarda completamente sbilanciata. E’ questa la sintesi che si può ricavare dalla ricerca condotta dal Politecnico di Milano per conto della Cisl e del Sicet Lombardia, che prende in esame i piani urbanistici dei Comuni lombardi.

Lo squilibrio si ricava dalla proiezione di ciò che potrebbe essere la Lombardia nel 2018: ci troveremo di fronte a un deficit di 920.313 vani a canone sociale (pari a 418.324 case popolari) e 323.779 vani di edilizia convenzionata (147.172 alloggi). A fronte del deficit, avremo un surplus di edilizia libera pari a 809.184 vani (367.811 case), “perché i Comuni hanno previsto nei piani urbanistici un eccesso di edilizia residenziale libera, per un mercato che non c’è, che da solo basterebbe a coprire il 65% della domanda di alloggi a canone sociale o convenzionato”.

Esiste un fabbisogno forte e crescente di edilizia sociale da destinare all’affitto, che ha la sua punta nella provincia di Milano, con Monza e Brianza, che genera un fabbisogno irrisolto al 2018 di 431.816 vani (196.280 alloggi) di edilizia sociale, 106.225 (48.284 abitazioni) di convenzionata.

Al secondo e terzo posto si collocano Brescia, con 129.024 vani (58.647 alloggi) di edilizia pubblica a canone sociale e 37.216 vani (16.916 abitazioni) di edilizia convenzionata, e Bergamo, con 85.377 vani (38.808 abitazioni) di edilizia sociale e 19.331 vani (8.787 alloggi) di convenzionata. Sul fronte dell’eccesso di edilizia libera, Bergamo sale al primo posto, con 138.263 vani (62.847 abitazioni), seguita da Brescia, con 107.518 vani (48.872 alloggi), e da Mantova con 102.556 vani (46.616 alloggi).

Interessante indagare i motivi che contribuiscono a formare una domanda di abitazioni di questo genere:

Sul fabbisogno di abitazioni a canone sociale e convenzionato incidono molti fattori: la formazione e lo scioglimento di nuove unioni, la tendenza a vivere da soli, le necessità indotte dagli studenti fuori sede e della condizione abitativa degli anziani soli, l’aumento della popolazione straniera. Su quest’ultimo fronte, in particolare, i ricongiungimenti familiari incidono del 10,62% sulla domanda complessiva di abitazioni stimata nel periodo 2009-2018. L’intera componente determinata dagli stranieri rappresenta nella Regione Lombardia il 35,67%. Tutti i dati della ricerca, inoltre, mostrano una condizione reddituale che tende ad aggravarsi, sulla base della componente straniera e delle nuove situazioni di povertà e di precarietà che si vengono a creare nel territorio nazionale.

Annunci

6 thoughts on “L’edilizia residenziale che consuma inutilmente territorio

  1. Piccola insignificante differenza: per l’edilizia sociale e convenzionata il Comune deve sganciare soldi, per quella libera il Comune ne riceve…

    • Esatto.
      Ma il punto è: perchè i Comuni si sono trasformati in accumulatori di oneri urbanistici, trasformando urbanistica ed edilizia in mezzi per fare cassa, invece di diventare princiapli gestori del welfare e quindi generatori di spesa (possibilmente non clientelare ma assistenziale nel senso migliore del termine)?
      La risposta è che invece di catalanizzare la nostra Regione, abbiamo assistito alla sistematica distruzione di qualsiasi forma di autonomia tributaria territoriale, sia sul versante delle tasse proprie (vedasi il macello ICI-IMU) sia su quello delle compartecipazioni (pochissime e concettualmente affossate dalle addizionali, che aggiungono prelievo invece di toglierne o di sostituirlo a livello gestionale territoriale).

      Se togliamo il nero dai colori di Milano, restano il blu e il rosso. Blau-grana, o giù di lì. Meno unitarismo, più catalanismo. Meno passato più futuro. Meno Italia, più Lombardia. Questa è la chiave che apre al cambiamento.

  2. Pingback: Google Alert – EDILIZIA NEWS – Easy News Press Agency | Easy News Press Agency

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...