Ma che bella Regione

Complimenti vivissimi.

Da Repubblica di oggi, alcuni stralci delle conversazioni telefoniche della «cricca» delle scorie, che aveva – a quanto pare – molte entrature al Pirellone:

Più difficile, per il clan di Locatelli, era riuscire a centrare un nuovo, spregiudicato business: utilizzare le scorie di acciaio per il fondo della Tav. La tratta in questione è l’alta velocità Brescia-Treviglio. L’imprenditore ne parla con il suo braccio destro Giovanni Pagani. «Ho incontrato Trotta (responsabile per la Pizzarotti spa del cantiere Brebemi di Urago d’Oglio, ndr)… non mi sono permesso di dirgli se si possono usare le scorie al momento…». Pagani: «Eh, una cosa per volta». «Sì, perché sai che sotto la ferrovia non volevano, perché dicevano che facevano… il discorso del magnetismo».

Per i cultori della materia, qui si parla di «Gomorra del Nord», del «Toscano» e del «pony express». E spunta anche il «Nano ghiacciato», un assessore della giunta regionale, citato nelle conversazioni del «cartello» delle scorie.

Pippo Civati anche per On the Nord

Annunci

3 thoughts on “Ma che bella Regione

  1. La cricca dell’affaire Bre.be.mi é da inquadrarsi come un’ennesima associazione per delinquere, tra l’altro la presenza di imprenditori “recidivi” non puó che peggiorare il giá marcio contesto delle opere pubbliche dove compagnia delle opere e coop sono tutt’uno nella spartizione e nel malaffare…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...