Il colore della camicia

Brutte notizie dalla Regione: arresti di politici e funzionari, incroci Lombardia-Calabria, tangenziali con la tangente, cave e amianto, l’ombra della criminalità organizzata.

Chissà che camicia si metterà, oggi, Formigoni, che per anni ha negato infiltrazioni, che ha sempre difeso gli accusati – poi puntualmente condannati – della sua giunta e del Consiglio regionale, che ha avuto parole di speranza per tutti i santi, da Santa Rita a Santa Giulia e, da ultimo, l’amatissimo San Raffaele. Modelli di eccellenza. Universali. Ecumenici, un po’ come il presidente, che non conosce i mazarini di Oil for food, gli spregiudicati assessori allo sport, i grossi affari delle bonifiche gestite da esponenti di Cl e le colleghe impegnate nelle notti arcoresi.

Speriamo che per una volta sia sobrio, che assuma i fatti contestati a esponenti a lui molto vicini con la necessaria responsabilità, anche perché quest’ultima è una storia che colpisce al cuore l’identità lombarda: il territorio, le opere e le omissioni.

Pippo Civati – anche – per On the Nord

Annunci

One thought on “Il colore della camicia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...