E’ già l’inferno, Gasparri

La reazione delle destre alla proposta di Napolitano di introdurre lo ius soli, sancendo il principio chi nasce in Italia è italiano, si può riassumere in questo titolo:

Vengono in nostro soccorso i numeri, che ci raccontano un’Italia in cui non c’è stata un’esplosione nella quota di immigrati residenti – e nemmeno ci sarà -, non si sono create tensioni tali da far sorgere emergenze reali – ma solo sbandierate -, e anzi, un’Italia in cui gli immigrati danno un contributo fondamentale nel sostenere lo stato sociale.

In sintesi, alcuni numeri sono contenuti in questo specchietto:

Ecco, stavo pensando a queste cose, oggi, quando ho letto che ci sono stati 7 morti sul lavoro nelle ultime 24 ore. Non sono in grado di raccogliere dati ed elaborare statistiche che diano un quadro realmente descrittivo della situazione, ma se facessimo una statistica sulle ultime 24 ore sapremmo che il 43% dei morti sul lavoro sono persone straniere. Leggevo, in particolare, di Gheorghe Barbuta, operaio di origine romene, 37 anni, caduto da oltre tre metri di altezza da un tetto. È morto sul colpo, abitava da anni a Piacenza. Lascia la moglie e due figli piccoli. Mi immaginavo che la moglie, forse, non ha un lavoro. Magari proprio perché ha appena avuto un figlio. E se non ha un lavoro potrebbe ricadere, insieme ai figli, nella categoria di clandestino.

Gheorghe e sua moglie hanno scelto l’Italia, per lavorare – “per lavorare” andrebbe sottolineato cento volte -, per costruire un futuro, per loro e, soprattutto, per i loro figli. E’ andata così, invece. E a questo punto vorrei un Paese che riconosce dei diritti ai figli di Gheorghe.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...