Da ratti a cavie

In Svizzera, nel Canton Ticino, c’è il mercato fiorente delle cavie umane: le cliniche svizzere sono infatti contattate dalle grandi case farmaceutiche per testare vecchi e nuovi farmaci su soggetti umani. E dal Nord Italia, in particolare dalla Lombardia toccata purtroppo dalla crisi, giungono parecchi “volontari” che decidono di sottoporsi ai test per arrotondare, per restare a galla o semplicemente per avere uno stile di vita migliore. E così, oltre ai frontalieri ratti, ci sono anche gli italiani “topi da laboratorio”.

P.S. anche per On the Nord

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...