Via Berlusconi, effetto domino a Nord

Flavio Tosi, sindaco di Verona

Flavio Tosi, sindaco di Verona

Il terremoto politico che ha colpito Roma ha conseguenze anche a Nord. Soprattutto laddove esistevano situazioni già a rischio, la caduta di Berlusconi e il passaggio della Lega Nord all’opposizione ha di fatto innescato un possibile effetto domino su alcune amministrazioni locali.

Non è un caso che i primi segnali di cedimento arrivino da Varese e da Verona, città guidate da sindaci maroniti, negli ultimi tempi molto critici rispetto all’alleanza tra Carroccio e Berlusconi.

A Varese, tutto è nato dalle dichiarazioni dell’ex vice Sindaco Ermolli (PdL) contro l’assessore all’Urbanistica Binelli (Lega Nord), accusato duramente di aver minato l’edilizia locale, ingessando la città. Sono poi arrivate le dichiarazioni di alcuni dirigenti locali del PdL a chiarire la situazione:

Con la fine di Berlusconi si chiude un’era. E l’alleanza con la Lega era tenuta insieme solo da Berlusconi. Del resto, anche nel Carroccio le cose sono cambiate. Non è mai successo in vent’anni che Umberto Bossi venisse contestato a un congresso.

Dichiarazioni alle quali i lumbard rispondono a tono:

A noi va bene correre da soli. E anche loro visto che hanno già rotto l’alleanza.

E in questa confusione torna di moda l’UdC, al momento impegnata in un’opposizione che sembra più frutto di un patto di non belligeranza.

A Verona la situazione non è molto differente. Il sindaco Tosi, da sempre critico nei confronti dei vertici cerchiomagistiha già avvertito gli alleati del centrodestra: alle prossime amministrative potrebbe presentarsi solo con la Lega e la sua lista civica:

Se a Roma la Lega prenderà una strada e il Pdl un’altra, sarebbe improbabile andare assieme alle elezioni comunali.

Nel frattempo, nasce il partito che ti aspettavi benissimo. Si chiama «Movimento per la gente».

Home page di «Movimento per la gente»

Home page di «Movimento per la gente»

Movimento, già, non partito. E per la gente, sulla scia del peggior berlusconismo. A guidarlo Maurizio Zamparini, imprenditore friulano e presidente del Palermo Calcio. La motivazione alla base della discesa in campo è Equitalia, la società incaricata della riscossione nazionale dei tributi:

Equitalia sta massacrando le partite Iva di Italia. Fondo questo movimento perchè dalla vita ho avuto tanto e ho imparato che dare agli altri è più importante che ricevere. Dobbiamo far partire la nostra amministrazione dal basso, non dall’alto con persone che ci dicono cosa fare e che ci hanno portato al disastro. Questo è un ruscello che parte da qui e al quale si uniranno altri ruscelli non soltanto per fermare Equitalia ma per dare una nuova impronta per un’Italia in cui i politici vanno a lavorare per la gente.

Una storia già sentita, insomma.

Annunci

2 thoughts on “Via Berlusconi, effetto domino a Nord

  1. LEGA

    Beh, mi pare che la Lega non possa fare altro che premere sull’acceleratore dell’autonomia, è chiaro che senza PdL (o con un PdL disarticolato e minoritario) in Parlamento non hanno speranza di contare, meglio dunque l’arrocco nel tentativo di recuperare consensi qui e, con molto ma molto lavoro, puntare a prendersi Veneto e Lombardia con monocolore. Per il sistema elettorale regionale la lista o coalizione di liste più votata ma sotto al 50% ha diritto al 55% dei consiglieri. In Veneto sono primo partito in Lombardia nel 2010 la distanza dal PdL era di 5,6 punti. E se mai riuscissero a prendersi due regioni che insieme fanno un terzo di PIL e 15 milioni di abitanti certo avrebbero una buona leva per pesare su Roma anche senza contare in Parlamento. La riapertura del Parlamento del Nord (e dunque la controsvolta con un ritorno su posizioni più radicali) mi sembra funzionale a questo. D’altra parte, vista la situazione drammatica dei conti pubblici e visto che nessuno sembra abbia intenzione di andare a risparmiare sulla spesa pubblica improduttiva (dunque prevalentemente al Sud) né di colpire l’evasione fiscale diffusa (ancora, prevalentemente a Sud) è ovvio che la furia risanatrice del governo della cricca cleptoplutocratica finanziaria si accanirà per l’ennesima volta sui produttori di ricchezza (e dunque prevalentemente sul Nord). In questo quadro la Lega potrebbe disporre di molte frecce al suo arco, purché riesca a uscire dalla montagna di fango (diciamo così) in cui è finita votando l’invotabile per Berlusconi. E poi, c’è sempre la questione della tenuta dell’euro, un’altra opportunità per la Lega, qualora si palesasse davvero.

    MOVIMENTO PER LA GENTE
    Giusto qualche mese fa parlavo a cena con alcuni amici, tutti PD, qualcuno anche della segreteria milanese. Una delle idee lungamente dibattute, sfodeata da due di noi che di professione fanno gli imprenditori, era quella di mettere in piedi una campagna contro Equitalia.
    Io che sonos sempre stato il più statlista di tutti (e infatti ho mollato il partito quando conduceva al Governo quelle idiote politiche di privatizzazione, liberalizzazione e flessibilizzazionbe del lavoro) ho sempre avuto qualche perplessità nell’attacco frontale a organi dello Stato (benché Equitalia, propriamente non lo sia), benché da Partita IVA ho molto ben conosciuto le pratiche vessatorie, direi quasi persecutorie, messe in campo dal fisco (naturalmente con i piccoli e tendenzialmente con gli onesti). E la foga con cui quei due compagni si scagliavano contro Equitalia mi lasciò davvero stupito. A lla luce di questa notizia, è un peccato che la (cosidetta) sinistra non abbia in qualche modo mai voluto prendere in mano l’argomento. Sicuramente qui la Nord avrebbe praterie di consensi da raccogliere se solo dicesse un paio di cose semplicissime:
    – applicazione totale e letterale del codice del contribuente
    – semplificazione drastica delle procedure e delle scadenze fiscali

    Ma non lo fa. Anzi ogni tanto t’arriva il Visco di turno a dirti che l’evasione è “cosustanziale” a questi territori. Ovvio che ti viene da mandarlo affanculo.

    daniele,milano

  2. Pingback: Via Berlusconi, effetto domino a Nord | agora-vox.bluhost.info

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...