La Serie A della piccola impresa

La strada sale e la fatica comincia a farsi sentire. C’è l’ennesimo tornante, di fronte, e Francesco richiama le energie accumulate in giorni interi di allenamento, passati anche quelli a sfidare le salite in sella a una bici. Francesco, nella vita, fa altro. E’ uomo di sport, da sempre legato al Nordest, in un continuo tira e molla. Sambenedettese, Pistoiese, Bologna, e sempre Verona, in mezzo tra una e l’altra. Una carriera in crescendo da allenatore, con le tante soddisfazioni di Vicenza (nel 1997 vincerà la Coppa Italia e sarà eliminato dal Chelsea in semifinale di Coppa delle Coppe) fino alla soddisfazione immensa della scorsa stagione, ancora a Nordest. Siamo a Udine, dieci anni dopo. Il campionato non parte bene – l’Udinese sarà ultima fino alla sesta giornata -, ma la famiglia Pozzo decide di mantenere Guidolin alla guida della squadra e le zebrette ricambiano la fiducia e l’impegno del tecnico con un campionato travolgente, chiuso al quarto posto. A Guidolin non scappa nemmeno una parola di contentezza e di soddisfazione. Lavorare sodo, costantemente, ricavare il massimo da ciò che ha a disposizione. Mai una parola fuori luogo, mai un eccesso, mai una lamentela. Le risorse sono quelle, e con quelle si lavora. E il lavoro, infatti, è tattico e muscolare. Le scelte ponderate porteranno alla consacrazione di Alexis Sànchez, passato al Barcellona a fine stagione.

E se sembra che tutto sia finito – oltre a Sànchez la società cederà anche Gokhan Inler, perno del centrocampo, al Napoli e sarà eliminata ai preliminari di Champions dall’Arsenal -, la piccola impresa Pozzo conferma di essere dinamica, di aver creato relazioni interne forti e virtuose, grazie alle quali la cessione dei due gioiellini viene immediatamente riassorbita: alla settima di campionato per l’Udinese è primato in solitaria. Poi, la sorpresa: Totò Di Natale, capitano, leader, trascinatore indiscusso delle zebrette, napoletano, è l’unico candidato italiano al Pallone d’oro. Totò, troppo piccolo per la Nazionale e per i club più blasonati, certezza dell’Udinese.

Capace di grandi risultati avendo a disposizione risorse limitate, con la sua gestione famigliare, oculata e mai spendacciona, con un bilancio da tripla A, questa Udinese sembra il ritratto del Nordest che cerca il riscatto. Grazie anche a investimenti all’estero che permettono di scovare i migliori talenti (lo sappiamo, qua si può aprire una voragine, e per questo rimandiamo al post sulla cantera bergamasca), di farli crescere e valorizzarli, Udine guarda dall’alto verso il basso tutta l’Italia calcistica, la Torino della FIAT, la Milano dell’imprenditore da bere divenuto Presidente del Consiglio e quella del petroliere, la Roma col suo latinorum e quella american style, la Napoli dei tre tenori.

Annunci

One thought on “La Serie A della piccola impresa

  1. Singolare che nella rosa dell’Udinese abbondino stranieri e uomini del centro-sud (oltre a Di Natale, Floro Flores e l’autore del gol di domenica scorsa, Domizzi), ed è bella la contrapposizione all’Atalanta, che invece basa la sua forza sul vivaio, e che senza la penalizzazione sarebbe al secondo posto in classifica: 2 estremi che si toccano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...