L’impero d’Oriente

Le indiscrezioni degli ultimi giorni, secondo le quali Tremonti abbia cercato contatti con investitori cinesi per invitarli a comprare Titoli di Stato italiani, non sembrano poi così corrette. I contatti ci sono stati, i cinesi hanno mostrato interesse, ma i Titoli di Stato saranno, probabilmente, una parte marginale dell’affare, o meglio: la contropartita.

I cinesi sembrano non avere interesse nel prestarci denaro, i cinesi vogliono comprarci. E oltre a Eni, la quale, secondo Linkiesta, in Africa è un più che valido competitor e quindi la partecipazione cinese renderebbe “più facili le mosse di Pechino nel continente nero oltre ad acquisire nuove competenze e conoscenze”, i cinesi sono interessanti alla logistica. Porti e aeroporti. E tra i secondi rientra Malpensa:

La presenza cinese nello scalo di Malpensa è già sostanziale, sia per quanto riguarda le rotte passeggeri sia per la presenza sempre più significativa di Air China Cargo che opera dal 2009 con rotte che toccano Shanghai, Pechino e Chengdu, importante snodo economico-commerciale del sud-ovest del Paese. Ma aggiudicandosi una fetta significativa della Sea, i cinesi potrebbero creare un hub ad hoc per il traffico delle proprie merci.

Lo scopo è il controllo delle reti commerciali. Si tratta di una strategia già in atto, come ricorda Andrea Fumagalli, dell’Università di Pavia: “La Cina negli ultimi anni ha investito considerevolmente nella logistica europea”. Fumagalli, poi, sembra centrare la questione: “Non sorprende quindi che questi investimenti possano consolidarsi, tanto più che l’ingresso in questi settori può apparire oggi come una contropartita per l’investimento nel debito italiano attualmente necessario”. Insomma, i cinesi non fanno beneficenza e si pongono obiettivi economici nel lungo termine, non sono interessati ai rendimenti finanziari ma agli snodi commerciali e produttivi.

p.s. Al termine del post ci starebbe bene un’antologia di dichiarazioni su Cina e cinesi offerte dalla nostra classe dirigente negli ultimi dieci anni.

Annunci

One thought on “L’impero d’Oriente

  1. Magari arrivassero i cinesi i SEA, avete presente che gioiello è il nuovo Terminal 3 dell’aeroporto di Pechino?!!! E anche in Pedemontana, TEM, BreBeMi, A2A, ecc. Se non arrivano loro, arrivano i francesi e i francesi sono fin troppo presenti. Oppure i soliti 4 capitalisti parassitari italiani, che sono molto peggio dei francesi. L’optimum sarebbero i tedeschi e gli svizzeri (come da lunga tradizione lombarda), ma purtroppo non mi pare periodo.

    Sfortunatamente, però, mi tocca precisare che a Malpensa le compagnie cinesi sono certamente presenti (più che in ogni altro aeroporto italiano), ma la loro presenza non è affatto “sostanziale”. Al contrario, è piuttosto marginale. Molto più presenti altre compagnie orientali (tipo Cathay) o mediorientali (tipo Emirates) per i passeggeri o europee (Cargolux) per le merci.

    daniele,milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...