Birth of a Nation

Immigrati? Fora da i ball.

E’ meglio tenerli vicini a casa loro (in Sicilia e, in generale, a Sud, ndr). Per portarli sulle Alpi devi fare migliaia di chilometri…

Per commentare le ultime dichiarazioni di Umberto Bossi prendiamo in prestito un post (un po’ datato, ma attuale) di Gianluca Briguglia, che mette maggiormente a fuoco le equazioni di Civati:

Adro o whatever. C’è un problema tecnico. Ci sono competenti e incompetenti (a risolverlo). Un sindaco dà i numeri (sbagliati): 50mila. Un concittadino lo sbugiarda: 10 mila e faccio io. Una trasmissione interpella un campione (non significativo) di “gente”. La gente di competenti e incompetenti non parla. Però ora il problema nell’opinione pubblica è “ci siamo noi” e “ci sono loro”. Chi cerca di spiegare è un professorino. Fuori i professorini dal campo di battaglia. Il tema adesso è l’identità. Come effetto immediato il problema di partenza si aggrava. Non c’è più un problema da risolvere, ma una minaccia. Non interessa più il competente o l’incompetente, ma chi difende dalla minaccia e chi non difende dalla minaccia. Chi vuole difendere dalla minaccia ha una prova dell’esistenza della minaccia: la presenza del problema. Chi dice che i problemi si possono risolvere, evidentemente non coglie la minaccia. E se spiega troppo è un fighetta. Il problema di partenza intanto si è aggravato ulteriormente. Vince le elezioni quello che ci difende dalla minaccia. La gente lo premia. Perchè è evidente: se il problema di partenza si è aggravato, c’è una minaccia. Poi si ricomincia.

Annunci

2 thoughts on “Birth of a Nation

  1. Scusate, non c’entra niente con questo argomento, ma forse varrebbe la pena – sia perché si tratta di “cronaca dal Nord Italia”, sia per completezza rispetto a una carriolata di bufale degli utlimi tempi – dare evidenza a:
    1) questa intervista a Nicola Gratteri – forse il più grande magistrato anti-mafia dopo Falcone – in cui tra tante cose che confermano alcune delle affermazioni generalmente confuse insieme alle bufale, dice anche in maniera netta: “contro la mafia questo governo ha fatto di più di quello precedente”… non credo sia un leghista, né un berlsconiano. E ce ne ha anche perIngroia e le sue comparsate di piazza.
    qui: http://www.corriere.it/politica/11_marzo_22/nino-luca-gratteri-riforma-giustizia_854c9cc0-54c2-11e0-a5ef-46c31ce287ee.shtml

    – questa intervista a Pietro Grasso, provveditore nazionale anti-mafia, che tra l’altro dice: «Non sta in cielo nè in terra dire che il nord Italia sia diventato mafioso», sostiene il magistrato: «Più corretto dire che ci sono presenze a macchia di leopardo, in una società che cerca comunque di contrastare questi fenomeni».
    qui: http://www.corriere.it/cronache/11_marzo_28/grasso_polemica_mafia_db2cf242-5937-11e0-bc5a-84b93b4dfe5d.shtml

    Non male anche l’intervista a Roberto paese sulla “professionalità” dei mafiosi di oggi e su come i mafiosi sono capaci di mimetizzarsi nel mondo normale degli affari. Il che dovrebbe far pensare che, benché esistano complicità, talvolta molto probabilmente non c’è consapevolezza di fare affari con la mafia.
    qui: http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Dall Italia&vxClipId=2524_58dd8546-58b9-11e0-8955-c490be50f429&vxBitrate=300

    tanto per competezza di informazione, per vedere un po’ le diverse sfaccettature del tema e andare oltre la propaganda di chi fa 1000km per venire a ricoprire un intera comunità nazionale di merda.

    daniele,milano

  2. Scusate, non c’entra niente con questo argomento, ma forse varrebbe la pena – sia perché si tratta di “cronaca dal Nord Italia”, sia per completezza rispetto a una carriolata di bufale degli utlimi tempi – dare evidenza a:
    1) questa intervista a Nicola Gratteri – forse il più grande magistrato anti-mafia dopo Falcone – in cui tra tante cose che confermano alcune delle affermazioni generalmente confuse insieme alle bufale, dice anche in maniera netta: “contro la mafia questo governo ha fatto di più di quello precedente”… non credo sia un leghista, né un berlsconiano. E ce ne ha anche perIngroia e le sue comparsate di piazza.
    qui: http://www.corriere.it/politica/11_marzo_22/nino-luca-gratteri-riforma-giustizia_854c9cc0-54c2-11e0-a5ef-46c31ce287ee.shtml
    – questa intervista a Pietro Grasso, provveditore nazionale anti-mafia, che tra l’altro dice: «Non sta in cielo nè in terra dire che il nord Italia sia diventato mafioso», sostiene il magistrato: «Più corretto dire che ci sono presenze a macchia di leopardo, in una società che cerca comunque di contrastare questi fenomeni».
    qui: http://www.corriere.it/cronache/11_marzo_28/grasso_polemica_mafia_db2cf242-5937-11e0-bc5a-84b93b4dfe5d.shtml
    Non male anche l’intervista a Roberto paese sulla “professionalità” dei mafiosi di oggi e su come i mafiosi sono capaci di mimetizzarsi nel mondo normale degli affari. Il che dovrebbe far pensare che, benché esistano complicità, talvolta molto probabilmente non c’è consapevolezza di fare affari con la mafia.
    qui: http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Dall Italia&vxClipId=2524_58dd8546-58b9-11e0-8955-c490be50f429&vxBitrate=300
    tanto per competezza di informazione, per vedere un po’ le diverse sfaccettature del tema e andare oltre la propaganda di chi fa 1000km per venire a ricoprire un intera comunità nazionale di merda.
    daniele,milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...