Nati due volte

Di solito capita così. Si dice sottovoce, con il sorriso, tra le righe di un intervento frettoloso, ma intanto il messaggio passa. Diventa virale appena incontra paure e insicurezze. Il Governo e i rappresentanti della maggioranza conoscono il meccanismo e lo usano senza pudore. Questo è accaduto anche nel caso delle dichiarazioni di Pietro Fontanini, Segretario regionale Lega Nord e Presidente della Provincia di Udine

I disabili ritardano lo svolgimento dei programmi scolastici, più utile metterli in percorsi differenziati

e di Giuseppe Pellegrino, Pdl, Assessore all’Istruzione di Chiero

Basta disabili a scuola, non imparano e disturbano

Quando la coscienza civile è assopita e stanca, digerisce qualsiasi cosa o si indigna solo per poche ore. A scuola si forma l’identità di un ragazzo, un’identità che nasce dal confronto con l’altro. Altro perché viene da un continente lontano oppure altro perché disabile. Si incontrano fragilità e sofferenze diverse dalle proprie. Solo così si può conoscere sé stessi, abbattere i muri e diventare coraggiosi. Scaricare le colpe sui più deboli, invece, è da vigliacchi.

I Giovani Democratici padovani hanno risposto con una campagna di opposizione in grande stile: scuole, pali della luce, piazze, buche delle lettere, social network. Tutti – per un motivo o per l’altro – hanno fatto i conti con questo volantino

Sul punto ha scritto parole definitive anche Isabella Fedrigotti.

Passano poche settimane e i giornali locali pubblicano la notizia di un quindicenne disabile ustionato con l’alcol dai compagni di classe. E’ capitato nel cittadellese, la terra delle scorribande di Bitonci, dominus leghista dell’alta padovana, esperto nel genere letterario delle ordinanze.

Nati due volte – scriveva Pontiggia a proposito dei disabili – nel suo romanzo. La prima nascita è difficile, la seconda dipende da noi.

Nati due volte anche noi. Siamo nati, la prima volta, tra sbornia consumista degli anni ottanta e le mazzette degli anni novanta. Rinasceremo, forse, con il crollo dell’era pidiellino-leghistoide. Essere spettatori – ancora meglio partecipi – della fine di un impero è sempre una soddisfazione.

Non capita a tutti.

P.T

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...