Quel che non vi raccontano

Il dossier completo lo trovate cliccando qui.

Uno dei dati più interessanti è questo:

All’inizio del 2010 l’Istat ha registrato 4 milioni e 235mila residenti stranieri,ma, secondo la stima del Dossier, includendo tutte lepersone regolarmente soggiornanti seppure non ancora iscritte in anagrafe, si arriva a 4 milioni e 919mila (1 immigrato ogni 12 residenti). L’aumento dei residenti è stato di circa 3 milioni di unità nel corso dell’ultimo decennio, durante il quale la presenza straniera è pressoché triplicata, e di quasi 1 milione nell’ultimo biennio. Intanto, però, complice la fase di recessione, sono cresciute anche le reazioni negative. Gli italiani sembrano lontani, nella loro percezione, da un adeguato inquadramento di questa realtà. Nella ricerca Transatlantic Trends (2009) mediamente gli intervistatihanno ritenuto che gli immigrati incidano per il 23% sullapopolazione residente (sarebbero quindi circa 15 milioni, tre volte di più rispetto alla loro effettiva consistenza) e chei “clandestini” siano più numerosi dei migranti regolari (mentre le stime accreditano un numero attorno al mezzomilione).

Ecco fotografato l’uso lo sfruttamento elettorale degli immigrati che viene fatto in Italia. E’ un po’ triste, non trovate?

Annunci

2 thoughts on “Quel che non vi raccontano

  1. Pingback: “Immigrazione. Sogni e incubi” di Laura Coci e Roberto Gualterotti « Briciole caotiche

  2. … se è permesso, denunciare l’uso in modo fraudoloento, ai fini elettorali, dell’impatto immigrazione sulla popolazione residente è meritorio, ma farlo con dati spannometrici e di parte, non migliora, anzi forse…
    solo qualche esempio: le entrate previdenziali sono retributive, e quindi sono “virtualmente” accantonate per garantire il trattamento pensionistico al momento opportuno (7 miliardi e mezzo (meno 1 miliardo erogati) da depennare dalla tabella spannometrica del “dossier STATISTICO (!!) immigrazione Caritas … e c.) …
    no, non è un bel lavoro …
    saluti
    GS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...