Immigrati, chi lucra?

Il vuoto incolmabile che passa tra clandestinità e regolare permanenza sul suolo italico è, al solito, riempito dai criminali, tra l’altro ben organizzati, in questo caso. Il meccanismo è sempre lo stesso:

L’operazione, denominata Quinto Potere ha portato alla luce un vasto giro di sfruttamento: gli arrestati (e con loro anche altri 7 indagati, tutti residenti in provincia di Lecco) si rivolgevano a stranieri clandestini e proponevano loro una finta regolarizzazione, con tanto di finti datori di lavoro, a fronte di un pagamento che andava dai 4 ai 5mila euro per un giro d’affari da centinaia di migliaia di euro.

Succede in Brianza. I protagonisti? Un piccolo imprenditore edile con numerosi precedenti penali, un addetto di una società di recupero crediti – anch’egli pregiudicato -, l’ex titolare di un negozio di Kebab e un noto commercialista, con diversi studi sparsi per tutta la provincia di Monza e Brianza.

Due settimane fa, invece, ci trovavamo in provincia di Varese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...